FORMAZIONE ORDINARIA

La Formazione Ordinaria prevede 2 seminari formativi e 2 seminari di autoformazione/confronto, che saranno gratuiti per gli iscritti e assicurano il minimo dei crediti formativi annui e la cui partecipazione è subordinata alla preventiva iscrizione agli stessi.

 

  • “Osservare le interazioni in un ottica inclusiva”. Variabili in gioco.” –  (8 c.f.)

Il Seminario è finalizzato a leggere, a comprendere e a promuovere le interazioni in un’ottica inclusiva, a partire dall’osservazione e dall’analisi delle modalità relazionali che caratterizzano gli scambi intersoggettivi fra bambini con disabilità e adulti e fra pari in contesti educativi. Gli aspetti menzionati saranno trattati in linea con gli apporti scientifici relativi alla corrente di studi intersoggettivi, con particolare riferimento agli studi e alle ricerche relative al paradigma della Musicalità Comunicativa (D. Stern, M. Imberty, C. Trevarthen, M. Gratier, A. Pileri, A. Delavenne, 2008, 2009, 2015, 2018) cui la relatrice Anna Pileri ha contribuito in modo significativo attraverso molteplici indagini svolte in Italia e all’estero.

Metodologia: il Seminario sarà caratterizzato da momenti frontali alternati ad altri più interattivo-riflessivi, organizzati anche per sottogruppi, in cui i partecipanti saranno coinvolti nella video-microanalisi di alcuni frame proposti dalla relatrice allo scopo di orientare la seduta di psicomotricità verso modalità intersoggettive  (la voce, il corpo, i gesti e i movimenti, la prossemica ecc.) elementi rilevanti che incidono profondamente nella qualità delle interazioni, nell’inclusione e nell’apprendimento dei bambini e delle bambine, con particolare attenzione alle situazioni di disabilità, ai bisogni educativi speciali e alle situazioni di fragilità sociale. Aspetti rilevanti che vanno necessariamente considerati anche nell’attività psicomotoria.

Organizzazione della giornata: il Seminario sarà suddiviso in due parti: al mattino si tratteranno alcuni aspetti teorici (teorie intersoggettive, Infant Observation e metodologia della video-microanalisi) che, come già menzionato, saranno contestualizzati anche attraverso i video, con momenti fortemente interattivi; al pomeriggio la presentazione di tre casi (a cura di Psicomotricisti Relazionali) sarà occasione proficua per un’analisi mirata e interagita anche attraverso l’apporto delle osservazioni della relatrice e del gruppo.

Relatrice: Anna PILERI, Prof.ssa Associata, docente di Metodologie qualitative della ricerca, Psicopedagogia interculturale e Pedagogia speciale, Coordinatrice di ricerche nazionali e internazionali, presso l’Università IUSVE di Venezia-Mestre. Dottore di ricerca in Pedagogia  (Università di Bologna) e Dottore di ricerca in Psicologia (Université de Paris Nanterre).

L’incontro si terrà il giorno sabato 07 marzo 2020 presso il “Cardinal Urbani” di Zelarino (VE) dalle 08:30 alle 18:30 (con pausa pranzo)

Il corso assicura 8 crediti formativi

 

2) “Cosa significa essere professionista  –  (4 c.f.)

Essere espressione della propria professione implica solitamente concentrarsi in merito al lato pratico dell’esperienza lavorativa ma ciò non toglie che sia utile anche andare a ricercare e comprendere il significato concettuale dell’essere professionisti.

Interrogarsi su questi due aspetti è divenuto oramai un’esigenza per i soci A.N.P.R.I. che sempre più spesso si trovano nella condizione di confrontarsi con un mondo del lavoro e un mercato in continua ricerca di personale veramente qualificato e realmente titolato e preparato.

Ecco che quindi l’Associazione propone un seminario indispensabile per comprendere e acquisire consapevolezza in merito alle questioni:

chi è il professionista? Chi è il professionista inserito in una reale comunità di pratiche?

Relatore: Mattia Scapini – Vicepresidente ANPRI

L’incontro si terrà il giorno sabato 28 Marzo 2020 presso il “Cardinal Urbani” di Zelarino (VE) dalle 09:00 alle 13:00

Il corso  assicura 4 crediti formativi

 

3) “Dalla strutturazione alla percezione del setting – la dimensiona dello spazio e quella del tempo vissute nel gioco filogenetico”  –  (4 c.f.)

L’incontro intende approfondire le peculiarità dell’organizzazione spazio-temporale  nel gioco filogenetico, comprendere come si struttura e organizza lo spazio e quali materiali si utilizzano in questa tipologia di percorso.

Metodologia: il seminario si svilupperà in una parte teorica nella quale si andrà a descrivere accuratamente l’organizzazione del setting e delle sue finalità e una parte pratica nella quale si sperimenterà attraverso l’esperienza corporea l’integrazione delle due dimensioni spazio-temporali.

Conduzione: Equipe di Psicomotricisti Relazionali che in questi anni si sono occupati di ricerca e sperimentazione del gioco psicomotorio in ambito filogenetico.

L’incontro si terrà il giorno sabato 09 Maggio 2020 luogo da definire, dalle ore 14.00 alle ore 18.00.

Si richiede un abbigliamento comodo.

Il corso  assicura 4 crediti formativi

 

4) “Le mappe emotivo-comportamentali: dalla teoria alla pratica  –  (4 c.f.)

Il seminario di autoformazione ha lo scopo di creare un momento di approfondimento e di confronto tra Psicomotricisti Relazionali.

Attraverso l’analisi di video si andranno ad individuare le mappe emotivo-comportamentali che i bambini mettono in atto durante le sedute di psicomotricità.

Decodificare le dinamiche e ricondurle alla teoria, consente di acquisire maggior consapevolezza e permette di migliorare la lettura del gioco, delle dinamiche, delle posture e delle relazioni tra pari e con l’adulto dei bambini.

In un’ottica di autoformazione e di confronto continuo, questo vuole essere un momento di autoriflessione per meglio calibrare gli interventi dello psicomotricista relazionale nelle singole sedute e durante l’intero percorso.

L’incontro si terrà il giorno sabato 10 ottobre 2020 presso il “Cardinal Urbani” di Zelarino (VE) dalle ore 14:00 alle ore 18.00.

Conduzione: Psicomotricisti Relazionali che condivideranno le loro esperienze  professionali.

La partecipazione assicura 4 crediti formativi